Gestioni ambientali
Ecochem Group S.p.A.

Laboratori accreditati ACCREDIA

Gestione terreni

Gestione terre e rocce da scavo

Le terre e rocce da scavo sono normate dall’art. 186 del D.Lgs. 152/06 e s.m.i., a livello regionale si sono susseguite più di una Delibera Regionale per la loro regolamentazione. L’ultima, in ordine di tempo, è la DGRV 2424 del 2008, che prevede l’individuazione di casi specifici in cui la terra e roccia da scavo può non essere considerata rifiuto. La delibera specifica la documentazione da produrre per la caratterizzazione di un sito, per non rientrare nel regime dei rifiuti, e detta la procedura da seguire per la gestione delle terre e rocce da scavo.

Piani di caratterizzazione

La caratterizzazione ambientale di un sito è identificabile con l’insieme delle attività che permettono di ricostruire i fenomeni di contaminazione a carico delle matrici ambientali, in modo da ottenere le informazioni di base su cui prendere decisioni realizzabili e sostenibili per la messa in sicurezza e/o bonifica del sito. Le attività di caratterizzazione devono essere condotte in modo tale da permettere la validazione dei risultati finali da parte delle Pubbliche Autorità in un quadro realistico e condiviso delle situazioni di contaminazione eventualmente emerse.

Per caratterizzazione dei siti contaminati si intende quindi l’intero processo costituito dalle seguenti fasi:

  1. Ricostruzione storica delle attività produttive svolte sul sito
  2. Elaborazione del Modello Concettuale Preliminare del sito e predisposizione di un piano di indagini ambientali finalizzato alla definizione dello stato ambientale del suolo, del sottosuolo e delle acque sotterranee
  3. Esecuzione del piano di indagini e delle eventuali indagini integrative necessarie alla luce dei primi risultati raccolti
  4. Elaborazione dei risultati delle indagini eseguite e dei dati storici raccolti e rappresentazione dello stato di contaminazione del suolo, del sottosuolo e delle acque sotterranee
  5. Elaborazione del Modello Concettuale Definitivo
  6. Identificazione dei livelli di concentrazione residua accettabili - sui quali impostare gli eventuali interventi di messa in sicurezza e/o di bonifica, che si rendessero successivamente necessari a seguito dell’analisi di rischio - calcolati mediante analisi di rischio

Gestione e assistenza siti contaminati

Il titolo V del D.Lgs. 152/06 e s.m.i. disciplina le bonifiche dei siti contaminati.

Al verificarsi di un evento che sia potenzialmente in grado di contaminare il sito, il responsabile dell'inquinamento mette in opera entro ventiquattro ore le misure necessarie di prevenzione e ne dà immediata comunicazione agli enti competenti. La medesima procedura si applica all'atto di individuazione di contaminazioni storiche che possano ancora comportare rischi di aggravamento della situazione di contaminazione (art. 242 D.Lgs 152/06 e s.m.i.).

Ecochem è in grado di supportare il cliente nelle fasi analitiche di verifica dell’evento di contaminazione di acque e terreni, nelle successive di comunicazione agli enti e predisposizione di un Piano di Caratterizzazione.

ecochem-group-analisi-chimiche.jpg
Fill out my online form.